Dogliani

DOCG

Denominazione riservata ai vini rossi ottenuti da uve Dolcetto,
vino della tradizione piemontese

La zona di produzione del Dogliani è rappresentata dai comuni per intero di: Bastia Mondovì, Belvedere Langhe, Briaglia, Castellino Tanaro, Cigliè, Clavesana, Dogliani, Farigliano, Igliano, Marsaglia, Monchiero, Niella Tanaro, Piozzo, Rocca Cigliè e in parte nei comuni di: Carrù, Mondovì, Murazzano, Roddino, San Michele Mondovì,Somano, Vicoforte.

Il Dolcetto di Dogliani fu il vino del Presidente Einaudi, nativo di queste terre, che da convinto estimatore nonché produttore lui stesso, fu tra i primi a gettare le premesse per una concreta valorizzazione e affermazione di questo vino. La coltivazione di questo vitigno in zona risale al lontano 1500, come si evince da citazioni negli ordinati comunali.

E’ senza dubbio il dolcetto che più si avvicina alla perfezione ideale del carattere di vinosità, giovane e gioviale, fresco e fragrante, di moderata acidità, sincero e immediato, che rivela la sua nascita su i versanti forse più alti delle terre di Langa, dove trova condizioni di grande favore.

Denominazione di Origine Controllata e Garantita – DM 4 aprile 2011 e DM 30 novembre 2011

dogliani-docg